All posts by Leo

Covid-19 – Precisazioni riguardo le responsabilità civili e penali

Anche alla luce dei chiarimenti forniti dalla Compagnia di Assicurazione, la Federazione ricorda che i rischi di contagio sono coperti dalla RC dell’assicurazione federale. Il rispetto dei protocolli garantisce le società in sede penale.

Alla luce delle numerose richieste di chiarimento riguardo le responsabilità derivanti dalla ripresa dell’attività, la Federazione chiarisce alcuni punti sia per quanto riguarda la responsabilità civile che penale.

RESPONSABILITA’ CIVILE – Per quanto riguarda la responsabilità civile legata al rischio di contagio durante l’attività sportiva, sia essa all’interno della propria società che in occasione di manifestazioni, su diretta richiesta della Federazione, l’attuale Assicurazione (in essere per i tesserati federali) ha chiarito che la stessa copre anche eventuali danni provocati da attività della Federazione che portassero ad un contagio da Covid-19.

L’Assicurazione ricorda, infatti, che l’art. 2 della polizza de quo espressamente stabilisce quanto segue: “L’Assicuratore si obbliga a tenere indenne l’Assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare, quale civilmente responsabile ai sensi di legge, a titolo di risarcimento (capitali, interessi e spese) per danni involontariamente cagionati a terzi, per morte, per lesioni personali, per danneggiamenti a cose in conseguenza di un fatto verificatosi in relazione all’attività svolta, comprese tutte le operazioni e attività accessorie, sussidiarie e/o complementari, ad eccezione delle attività e delle operazioni menzionate al paragrafo “Esclusioni”, ovunque nell’ambito della validità territoriale della polizza”.

In merito a tale ultimo inciso, la stessa Assicurazione ha confermato che nel paragrafo “Esclusioni” non vi sono richiami a danni cagionati per epidemie e/o pandemie.

Anche la polizza Tutela Legale n. 2003002708/S copre le spese per resistere a richieste risarcitorie per eventuali danni da contagio da Covid – 19.

l’Assicurazione segnala che nell’art. 2 della polizza de quo – rubricato “oggetto dell’Assicurazione” – sono comprese anche le richieste risarcitorie per fatti illeciti di terzi nonché danni extracontrattuali cagionati a terzi.

Dunque, possibili danni provocati dal contagio da Covid – 19 possono essere ricompresi nelle richieste risarcitorie per fatti illeciti e/o per danni extracontrattuali.

In ogni caso, nell’art. 4 intitolato “Esclusioni” non vi è alcuna limitazione al risarcimento di danni cagionati dalla diffusione di epidemie, pandemie e similari.

RESPONSABILITA’ PENALE – Relativamente alle responsabilità penali, la Federazione ricorda che l’art. 29 bis della legge di conversione (legge n. 40 del 5 giugno 2020) del D.L. 23/20 introduce una norma che limita la responsabilità dei datori di lavoro per infortuni da Covid-19, dopo che l’art. 42 del D.L. “Cura Italia” (D.L. n. 18/2020) ha equiparato il contagio da Covid-19 ad un infortunio sul lavoro.

Secondo il nuovo art. 29 bis, introdotto dalla Legge di conversione, i datori di lavoro pubblici e privati adempiono l’obbligo di tutela della salute e sicurezza sul lavoro ex art. 2087 c.c. mediante l’applicazione, l’adozione e il mantenimento delle prescrizioni e delle misure contenute nel Protocollo condiviso dal Governo e le Parti Sociali il 24 aprile 2020 (e successive modifiche ed integrazioni) e degli altri protocolli e linee guida di cui all’art. 1, comma 14 del D.L. n. 33/2020. La norma precisa che, qualora non trovino applicazione le predette prescrizioni, rilevano le misure contenute nei protocolli o accordi di settore stipulati dalle organizzazioni sindacali e datoriali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Quindi, in sintesi, il rischio di contagio e diffusione del Covid-19 comporta l’adozione di specifiche cautele e misure protettive – di qui la fondamentale importanza di osservare le linee guida e di attuare i protocolli di sicurezza – inserendosi nelle ordinarie regole che disciplinano le responsabilità civili e penali dei dirigenti sportivi.

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA

Il  26 giugno 2020 viene indetta l’assemblea ordinaria  dei soci tesserati nel 2019 e 2020.

Alle ore 12:00 in prima convocazione ed alle ore 21:00 in 2^ convocazione, presso l’oratorio della Chiesa di Frescada (TV).

Sono invitati tutti i soci in possesso della tessera 2019 e 2020.

In osservanza delle norme disciplinanti l’emergenza covid, si  raccomanda l’utilizzo della mascherina.

F.to IL PRESIDENTE: RAFFAELLO LONGO

 

  Riapre la sede sociale

Venerdì, alle 20:30, riapre la nostra sede, momentaneamente distaccata presso l’oratorio della chiesa di Frescada. L’accesso  nel locale avverrà con la mascherina.

Per tutte le domeniche del mese di luglio, alle 07:30, è previsto il ritrovo presso il bar “al tempo perso” di Treviso, per un giro in bici da corsa, osservando le norme riguardanti il contenimento e  la gestione dell’emergenza  covid.

LE ATTIVITA’ IN CALENDARIO RIMARRANNO SOSPESE FINO A DATA DA DESTINARSI.

Il Raid della Carnia

Programma raid della Carnia  

 

RINVIATO  AL 23 GIUGNO 2021

TABELLA SINTETICA DELL’ORGANIZZAZIONE E DEI COSTI

HOTEL clicca

PARTECIPANTI: Fuin Sergio,Visentin Franco, Cocchetto Giancarlo, Lezzier Alfredo, Pavan Luciano II, Zamprogno Giannino, Teano Adino, Scala Ermes, Da Re Andrea, Donato Antonio, Piovesan Italo, Fioretti Pietro (Ammiraglia), Scomparin Fabio, Caner Attilio, Sartoretto Maurizio, Meneghetti Zeno, Barbirato Enrico, Gionco Luigino, Leo

DOWNLOAD GPX:  1^ tappa; 2^ tappa; 3^ tappa; 4^ tappa; 5^ tappa.

VIDEO,clicca: Arta Terme (1^ tappa)Passo Pramollo (2^ tappa)Vinaio (3^ tappa)Monte Crostis (4^ tappa)Pradis (5^ tappa).

Per informazioni, rivolgersi a Longo Raffaello (3395707072) oppure a Leo (3351629353) che sarà l’organizzatore del raid.

Ordinanza della Regione Veneto

Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da virus COVID-19. Ulteriori disposizioni.

 Il Presidente della Regione Veneto con Ordinanza n. 46 del 4 Maggio 2020 (clicca qui) ha disposto:

“”””                                                                     –  omissis –

3. Misure di prevenzione generali nell’intero territorio regionale

In tutti i casi di uscita dalla proprietà privata, è obbligatorio l’utilizzo di mascherina, o altro strumento di copertura di naso e bocca, e di guanti, o di liquido igienizzante. Non sono soggetti all’obbligo di utilizzo di mascherina o altro strumento di copertura di naso e bocca i bambini al di sotto dei sei anni e i soggetti con forme di disabilità. Per coloro che svolgono attività motoria intensa non è obbligatorio l’uso di mascherina o copertura durante l’attività fisica stessa, mantenendo il distanziamento di metri due, salvo l’obbligo di utilizzo alla fine dell’attività medesima.

4. Attività motoria e sportiva nel territorio regionale

E’ consentito lo svolgimento individuale o con componenti del nucleo famigliare di attività sportiva o motoria quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, camminata, corsa, ciclismo, tiro con l’arco e a segno, equitazione, tennis, golf, pesca sportiva, canottaggio, l’attività remiera, il motociclismo, arrampicata sportiva, scialpinismo, attività sportive acquatiche, wind surf, attività subacquee, ecc.. Per ulteriori esemplificazioni e precisazioni si rinvia ai chiarimenti eventualmente pubblicati nel sito della Regione.

Al fine di svolgere l’attività motoria o sportiva è consentito anche spostarsi con mezzi pubblici o privati per raggiungere il luogo individuato per svolgere tali attività, nei limiti del territorio regionale.

L’attività è ammessa anche con spostamento e svolgimento della stessa in coppia, nel rispetto delle norme di protezione personale, o con i conviventi.

È consentita l’attività motoria collegata all’accompagnamento di animali all’aperto.

– omissis –  ””

P.S.

SI RICORDA CHE TUTTE LE ATTIVITA’ DELL’ASD S.C SAN LAZZARO GOPPION CAFFE’  TREVISO SONO SOSPESE FINO A DATA DA DESTINARSI

image_pdfimage_print